International Anti-Corruption Assembly

Поздравляем команду Международной Антикоррупционной Асcамблеи с официальной регистрацией (ЕИК 206612508, състояние към дата: 9.08.2021г.) представительства Болгарии 9 августа 2021

ABBIAMO SEI ANNI!

Un altro anno di attività della nostra organizzazione è trascorso dall’inizio della sua fondazione.

Il 24 settembre 2021 si celebra il sesto anniversario dell’International Anti-Corruption Assembly, un’organizzazione non governativa internazionale creata per combattere la corruzione come fenomeno non solo nella società ucraina ma anche in altri paesi.

Come lo facciamo? Le conclusioni saranno tratte da persone che si rivolgono all’organizzazione per chiedere aiuto. Ma ora, mentre celebriamo il sesto anniversario della nostra organizzazione, riassumeremo brevemente le molteplici attività dell’Assemblea internazionale anticorruzione di quest’anno.
Un importante risultato dell’organizzazione è l’attività della sua rappresentanza ucraina, guidata dal capo della rappresentanza dell’Assemblea internazionale anticorruzione in Ucraina Viktor Badia.
Significativa nelle attività dell’Assemblea internazionale anticorruzione in Ucraina è la partecipazione a procedimenti giudiziari per violazioni dell’attuale legislazione ucraina nella costruzione di case nella capitale dell’Ucraina – Kiev.

L’organizzazione ha preso parte attiva alla sperimentazione dei requisiti del Ministero della Cultura dell’Ucraina per fermare la costruzione dell’oggetto “Costruzione di un edificio residenziale con uffici e parcheggio sotterraneo” nel quartiere Pechersk di Kiev sulla strada. Laboratorio, 12, che vengono eseguiti all’interno dell’area storica di Kiev in violazione dei requisiti della quarta parte dell’articolo 32 della legge dell’Ucraina “Sulla protezione del patrimonio culturale”. Nonostante l’ordine del Ministero della Cultura dell’Ucraina del 02.10.2019 №43 / 10-5 / 74-19, che richiedeva l’immediata cessazione dei lavori di sterro e di qualsiasi altro lavoro di costruzione, i costruttori hanno ignorato l’ordine dell’organo esecutivo centrale che attua la politica statale nel campo della sicurezza del patrimonio culturale e le forze dell’ordine non hanno adottato misure adeguate per fermare questa costruzione illegale.
Secondo i media ucraini, l’Assemblea internazionale anticorruzione è stata la prima organizzazione a dimostrare l’illegalità delle costruzioni nell’area storica di Kiev, e non violazioni di eventuali regolamenti o altre violazioni minori precedentemente accertate nei tribunali.
L’esame dei problemi di costruzione illegale nella capitale dell’Ucraina ha riflesso la mancanza di attività della leadership del paese nella lotta alla corruzione, come il principale fenomeno che ostacola il movimento dell’Ucraina verso lo sviluppo europeo.
E prima di tutto, ciò è dovuto alla mancanza di riforma del sistema giudiziario dell’Ucraina, in cui la corruzione è più diffusa.

Un gruppo di ambasciatori del G7 a Kiev ha recentemente rilasciato una dichiarazione in cui esprime preoccupazione per il processo di riforma giudiziaria in Ucraina. Pertanto, gli ambasciatori dei paesi del G7 sono delusi dal ritardo nella selezione dei candidati per il Consiglio etico dell’Alto Consiglio di giustizia e sollecitano i partner ucraini ad affrettarsi con la loro nomina. È noto che il 14 luglio 2021 la Verkhovna Rada ha approvato una legge che prevedeva il ripristino dell’Alto Consiglio di Giustizia ed è stata molto apprezzata dalla comunità internazionale come possibilità di una vera riforma giudiziaria in Ucraina. I partner internazionali hanno già nominato i propri esperti al Consiglio etico, che verificherà l’integrità dei giudici GRP.
Invece, il Consiglio dei giudici dell’Ucraina nella sua riunione del 13 settembre 2021 non ha potuto decidere sui suoi candidati al Consiglio etico, il che ha di fatto bloccato la riforma.

Gli ambasciatori sono preoccupati anche per il disegno di legge sulla Corte costituzionale. “La riforma della Corte costituzionale dovrebbe garantire una selezione trasparente e competitiva dei nuovi giudici della CCU e garantire un aumento temporaneo dei requisiti di voto, in linea con le raccomandazioni della Commissione di Venezia”, ​​si legge nel comunicato.
La dichiarazione ha anche affermato: “La riforma giudiziaria globale rimane una priorità assoluta per il G7 in quanto cruciale per il successo di tutte le riforme in Ucraina e per soddisfare le richieste del popolo ucraino”.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha anche sottolineato il ritardo nell’attuazione della riforma giudiziaria in Ucraina il 16 settembre.
La mancanza di sviluppo della politica anticorruzione e l’attuazione di riforme nel sistema giudiziario nel paese si riflette nelle relazioni tese con il Fondo monetario internazionale. Oggi ci sono paure: l’Ucraina diventerà una specie di seconda elementare che non adempie ai suoi obblighi e compiti e trova un mucchio di spiegazioni per non farli affatto. Sembra che dall’annuncio da parte di Kristalina Georgieva, capo del FMI, dell’iniziativa di emettere fondi aggiuntivi, le autorità ucraine abbiano trascinato i piedi in attesa di risorse finanziarie incondizionate, imitando attività per soddisfare le condizioni dello stand-by programma.

Pertanto, la politica anticorruzione in Ucraina continua a scivolare, se non addirittura a tornare indietro. Ecco perché, a livello internazionale, l’Assemblea internazionale anticorruzione sta espandendo le sue attività in Europa. Così, nell’agosto 2021, un altro paese europeo, la Bulgaria, si è unito alla nostra organizzazione.
La Rappresentanza dell’Assemblea Internazionale Anticorruzione in questo paese è guidata dal Capo della Rappresentanza in Bulgaria Mirela Skaliya. Questo evento è segnato anche dal fatto che le donne entrano a far parte della direzione degli uffici di rappresentanza della nostra organizzazione.

È un lavoro congiunto con le donne organizzazioni pubbliche dell’Ucraina sul territorio avviata dall’Assemblea internazionale anticorruzione a Lisbona nel 2016 al II Forum internazionale “Territorio senza corruzione!” concetto di riduzione dell’indice di corruzione, ha offerto ai membri di queste organizzazioni in Ucraina l’opportunità di attuare piani di azione congiunta volti a ridurre ed eliminare la corruzione in alcune aree delle pubbliche relazioni. La cooperazione con le organizzazioni femminili riguarda principalmente le attività congiunte con l’ONG “Women’s Geopolitical Alliance”, il cui presidente Svetlana Salamatova l’8 settembre 2021 nell’agenzia di stampa nazionale ucraina “Ukrinform” ha tenuto una riunione di rappresentanti di varie organizzazioni femminili in Ucraina, Stati Uniti e Polonia Gene Code of the Ukraine Woman “, che presenta progetti di importanza nazionale rappresentati in Ucraina, come ” Batkivska Khata.Homestead “, avviato da Olenka Bravo, una donna ucraina che ora vive in Texas negli Stati Uniti, e dall’artista fotografica Svitlana Zadorovska , un attivista pubblico, membro dell’Unione nazionale degli artisti fotografici dell’Ucraina, che ha lanciato il suo progetto personale “Dalla bambola al re”.

Cari colleghi!
Ci congratuliamo con tutti per le vacanze e auguriamo a tutti solo un lavoro produttivo. Lascia che la nostra organizzazione espanda i suoi orizzonti, diventi ancora più forte ogni anno. Possa la nostra grande squadra in diversi paesi del mondo essere unita, coesa e sincera con le persone e raggiungere il successo e lavorare costantemente per combattere ulteriormente la corruzione in tutte le sue manifestazioni. Vi auguriamo nuove idee, creatività e nuova energia.

24.09.2021


Previous Post

Next Post