International Anti-Corruption Assembly

Affari terrestri “La terra conta”

Abbiamo già scritto della difficile situazione nel settore agricolo nel sud del nostro paese relativa alle incursioni: “Perché non c’è risposta?”, “Cattura dei raider di Yarovsky”, “Nell’Amministrazione statale regionale di Odessa ha discusso della cattura dei raider di Yarovsky.

Oggi, presso l’UNIAN si è tenuta una conferenza stampa sul tema: “Le incursioni agricole nella regione di Odessa si svolgono con la complicità delle autorità regionali”.

I relatori erano:

  • Yakubenko Nikolay Vasilievich – Presidente dell’Associazione degli agrari del distretto Podolsky della regione di Odessa,
  • Vlasyuk Oleg Sergeevich – agricoltore,
  • Anatoly Gamzatovich Kolomiets – il capo dell’Assemblea Internazionale Anticorruzione nella regione di Odessa.

La presentazione è stata moderata da Irina Golovatenko, responsabile del centro stampa UNIAN.

Nei loro discorsi, i relatori hanno fornito esempi specifici di sequestri di razziatori di terreni agricoli e di altre terre che erano stati noleggiati da agricoltori o fattorie, i cui membri erano azionisti che avevano precedentemente acquisito queste terre e si erano fuse in cooperative agricole.

Anatoly Gamzatovich Kolomiets – Capo dell’Organizzazione pubblica “Assemblea Internazionale Anti- Corruzione” nella regione di Odessa
Yakubenko Nikolay Vasilievich – Presidente dell’Associazione degli agrari del distretto Podolsky della regione di Odessa
Vlasyuk Oleg Sergeevich – Contadino

I relatori hanno sottolineato che, nonostante il cambio di leadership del paese, le violazioni dei diritti e delle libertà dei cittadini garantiti dalla Costituzione rimangono allo stesso livello in cui si trovavano durante il precedente governo.

Anatoly Gamzatovich Kolomiyets, un ardente combattente per corruzione contro la corruzione, ha attirato l’attenzione degli ascoltatori su questa situazione nel suo discorso.

E il presidente dell’Associazione degli agrari del distretto Podolsky della regione di Odessa, Yakubenko Nikolai Vasilyevich, nel suo discorso, ha raccontato di essere stato minacciato personalmente dal presidente del consiglio regionale della regione di Odessa e allo stesso tempo il grande latifondista Sergei Parashchenko, che ha compiuto le sue minacce ed è stato picchiato da persone mascherate nella sua stessa casa.

L’illegalità che sta avvenendo nella regione di Odessa con la piena connivenza e persino l’assistenza delle forze dell’ordine (polizia e pubblici ministeri) indica l’incapacità dell’attuale leadership del paese di proteggere i diritti costituzionali dei cittadini.

È noto dalla storia che l’incapacità della leadership del paese di garantire lo stato di diritto e il rispetto dei diritti umani elementari, prima o poi porta alla resistenza sociale dei cittadini, che si chiama atti di disobbedienza civile. E queste azioni, a loro volta, scuotono e fanno crollare le basi dello stato, portano al caos nel governo.

Ma la storia insegna anche che con un’adeguata leadership statale, è possibile la capacità di risolvere le questioni sociali, piuttosto che esasperare le contraddizioni sociali, una transizione pacifica verso relazioni sociali stabili, il consolidamento della società sotto gli auspici di un’idea nazionale che si adatta a tutti i segmenti della popolazione, che alla fine porta a sviluppo dello stato, rafforzamento dell’economia, rafforzamento dell’influenza dello stato a livello globale.

Ma ciò richiede non solo la volontà politica della leadership, ma anche lo stato di diritto sul campo, che oggi, come vediamo, nella regione di Odessa non lo è.

Cioè – oltre ai desideri, sono necessarie anche abilità.

Nel frattempo, siamo costretti a dichiarare che la leadership del Paese non è in grado di eliminare anche quelle ulcere sociali che corrodono l’Ucraina.

Puoi familiarizzare con le informazioni complete su questa conferenza stampa visitando il sito web dell’UNIAN al link: “Il raid agricolo nella regione di Odessa viene effettuato con l’assistenza delle autorità regionali.”

Please follow and like us:

16.07.2020


Previous Post

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *