International Anti-Corruption Assembly

È sicuro essere un attivista della comunità?

Hai pensato al destino di coloro che vedi durante i raduni, le marce e le proteste sui tuoi schermi TV, su YouTube, su Facebook? Cosa sai del loro futuro destino?

Abbiamo posto questa domanda non senza motivo.

Così oggi, 27 gennaio 2020, si è svolta una tavola rotonda sul tema “Proteggere i diritti degli attivisti pubblici” nella sala conferenze d’affari di Inveria, alla quale ha partecipato Vyacheslav Saenko, segretario generale del Comitato centrale dell’Assemblea internazionale anticorruzione dell’IPO.

La tavola rotonda è stata organizzata dal Centro diritti umani ZMINA.

L’evento è stato moderato dal capo del Centro diritti umani ZMINA, Tatyana Pechonchik.

Il direttore dell’ufficio di rappresentanza della Freedom House in Ucraina Matthew Schaaf si è rivolto al pubblico con un discorso di benvenuto.

Gli organizzatori dell’evento hanno preparato un rapporto analitico “La situazione dei difensori dei diritti umani e degli attivisti pubblici in Ucraina nel 2019” in una pubblicazione stampata molto ben progettata e illustrata.

I presenti sono stati introdotti nell’infografica della persecuzione dei difensori dei diritti umani e degli attivisti pubblici nelle regioni dell’Ucraina, dove è stato registrato il maggior numero di questi casi.

Gli autori di questi rapporti sono stati UHHRU (Unione ucraina per i diritti umani di Helsinki), ZMINA Human Rights Center, Truth Hounds e Freedom House.

Secondo lo studio, l’accusa nei confronti di difensori dei diritti umani e attivisti pubblici, in particolare con l’uso di minacce, metodi potenti di influenza, danni alla proprietà personale e altri tipi di pressione psicologica, rimane un problema nel 2019.

Sono stati annunciati i principali argomenti del rapporto:

  • Le principali tendenze nella persecuzione degli attivisti pubblici in Ucraina nel 2019 (relatore – Vyacheslav Likhachev – analista presso il Centro diritti umani ZMINA);
  • Il lavoro della rete di monitoraggio per documentare la persecuzione di attivisti pubblici (relatore – Roman Avramenko – direttore della ONG “Truth Hounds”);
  • Raccomandazioni alle autorità e alla società civile per aumentare l’efficacia della protezione degli attivisti pubblici (relatore Miroslav Lavrinok – analista UHHRU).

Sono stati inoltre sollevati i temi della protezione giuridica degli attivisti pubblici, dell’indagine sui crimini contro gli attivisti, i temi delle attività degli organismi per i diritti umani e il Consiglio supremo dell’Ucraina.

Le seguenti persone sono state invitate a discutere di questi argomenti: Alexander Pavlichenko – Direttore esecutivo dell’UHHRU, Anna Rozhkova – Coordinatore del progetto dell’Associazione UMDPL), rappresentante della polizia nazionale ucraina Volodymyr Lavrenchuk, capo della Commissione provvisoria per le indagini del Verkhovna Rada dell’Ucraina per esercitare il controllo parlamentare sulle indagini relative agli attacchi contro Kateryna Gand attivisti per tutto il 2017-2018 Igor Vasilev.

Rappresentanti di organizzazioni pubbliche partecipanti alla discussione e rappresentanti dei media hanno posto ai partecipanti e agli organizzatori della tavola rotonda molte domande interessanti e molto importanti per comprendere il problema sollevato, che non è stato ancora risolto a livello statale.

In futuro, introdurremo in modo più dettagliato i problemi sollevati durante la discussione.

Tuttavia, si deve solo dichiarare che oggi la protezione degli attivisti pubblici in Ucraina rimane un problema.

Please follow and like us:

27.01.2020


Previous Post

Next Post

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *